Novità
Home / News / Il Comune di Adelfia si candida a “Urbact III – Good Practice Call”

Il Comune di Adelfia si candida a “Urbact III – Good Practice Call”

Il Comune di Adelfia si candida al bando europeo “URBACT III – Good Practice Call” che ha lo scopo di far cooperare le città, le amministrazioni comunali, affinché si possano trovare soluzioni in comune alle sfide che ogni giorno si presentano nella gestione di una città.

Musica in gioco”, esperimento didattico nato ad Adelfia nel 2010, è la buona pratica presentata al suddetto bando europeo; qualora dovesse essere selezionata, il Comune di Adelfia diverrebbe parte del Network delle buone pratiche urbane europee e come tale verrebbe largamente promossa su scala internazionale.

Il progetto presentato “Musica in gioco”, basato sul metodo didattico “El sistema” di Jose Antonio Abreu, consiste in un’orchestra composta da bambini e ragazzi, quale percorso didattico e ludico che contribuisce ad affrontare i numerosi disagi sociali che vivono le giovani generazioni, nei contesti urbani.

L’associazione “Musica in gioco” offre gratuitamente lezioni di musica e di strumenti musicali a ragazzi di Adelfia che vivono in condizioni di disagio economico sociale o che soffrono di disabilità fisiche e a ragazzi che provengono da contesti sociali e familiari senza alcun tipo di problema rilevante.

I ragazzi e le ragazze compongono un’orchestra eterogenea, che rappresenta un luogo di incontro e di interazione sociale e non solo di apprendimento. Infatti tale progetto si propone, innanzitutto, l’obiettivo di garantire a tutti i ragazzi le stesse opportunità di crescita e di successo nonostante le loro differenze sociali.

Le parole di Jose Antonio Abreu rappresentano meglio di altre la promozione sociale dell’infanzia e della gioventù attraverso la musica:

“L’orchestra è una società che pratica per definizione l’interdipendenza, l’orchestra è un’impresa collettiva in cui tutti sono d’accordo nella voglia di affrontare brani sempre più difficili, e questo forma la personalità di ogni ragazzo: previene la droga, previene la violenza, ed è uno strumento insuperabile di sviluppo sociale. La musica opera questo miracolo: costruttivo, seduttivo, creatore, nel bambino e nell’adolescente”.

Jose Antonio Abreu, musicista ed ex Ministro della Cultura del Venezuela.